Descrizione generale

L’itinerario, che parte dal pianoro di “balleria” (dove, secondo la leggenda, scendevano le fate sibilliniche) si snoda attraverso una gola “tenebrosa”, costeggiando l’impetuoso fiume Tenna, sino all’eremo che fu dei monaci benedettini, aprendosi ad un rigoglio di natura.

Ad accogliervi è “Balleria”, il luogo del ballo, dove le bellissime ancelle della Sibilla scendevano di notte per danzare con i pastorelli. Con un orario preciso: all’alba dovevano abbandonare la valletta per tornare nell’antro della regina Sibilla. Correvano lungo il fianco del monte con i loro piedi di capra.

L’Infernaccio è una gola affascinante quanto tenebrosa. Vi scorre il fiume Tenna. Lo percorrevano i pellegrini che, scavalcata la montagna, si dirigevano a Roma. Più sopra, il monastero-eremo di San Leonardo, costruito dai benedettini, passato di mano da Ordine a Ordine, sino all’abbandono nel XVII secolo anche a causa dell’Orso. Le acque che vi scorrono da un lato e dall’altro, sono considerate adatte a sanare i mali della tiroide. Più sopra, si staglia il Monte Priora, di fronte la montagna cupa e regale della Sibilla.

Durata del percorso ore 6,00 (andata e ritorno)

Abbigliamento da trekking, percorso adatto a persone dai 10 anni in su.

Date disponibili

Unfortunately, no places are available on this tour at the moment